per le cince, le capinere, i pettirossi e gli altri…

come per la torta di mele…
anche per il mangime degli uccelli, ognuno ha la sua ricetta, ma questa è davvero speciale!

eat for birdsfor bir

Speciale perché preparata da due esperti conoscitori delle erbe, delle piante e appassionati ornitologi, speciale perché testata e a pieni voti approvata da Valeria che dopo aver preso appunti a Fiori Frutta Qualità 2011, quando Natalino e Pierangela Trincheri in occasione della presentazione del loro bellissimo libro dedicato agli amici pennuti “Il rissoso pettirosso e gli altri” ci hanno insegnato a preparare, così scrive:

“Utilizzo con successo due capienti mangiatoie di terracotta comprate in occasione di Fiori Frutta Qualità da un artigiano toscano.
Capinere, pettirossi e cince, durante il periodo piu’ freddo dell’anno, si avvicendano allegramente alle mangiatoie poste in giardino; noi li osserviamo, senza disturbarli, dalla finestra della nostra cucina. Abbiamo imparato a distinguerli e, per cio’ che riguarda le cinciallegre riusciamo, grazie alle indicazioni lette sul  libro dei Trincheri, a distinguere anche i maschi dalle femmine.
Quest’anno, oltre alle mangiatoie, abbiamo nascosto tra i rami di un’arancio amaro, una casetta in legno naturale per nidificare. La casetta è stata fatta dal mio piccolo Edoardo, la scorsa estate, durante una vacanza in Trentino.
Un simpatico anziano signore partecipa alle fiere di paese con il suo carretto dove custodisce pezzi di legno pretagliati e forati. Invita i bambini ad aiutarlo ad assemblarli; infine i piccoli con il martello fissano i chiodi e  completano le loro opere ( casette per uccellini, carretti)
Il signore in questione ci ha dato giusti consigli su come utilizzare al meglio la nostra casetta: dove posizionarla, non verniciarla perchè gli uccellini non amano l’odore di vernice ma solo quello di legno naturale.
Recentemente ho letto in una rivista che un’altra possibile utile mangiatoia per piccoli pennuti puo’ essere una pigna; basta creare con dello spago o della rafia naturale un sostegno per appenderla e porre il pastone nello spazio tra le brattee.
La stagione piu’ fredda dell’anno è arrivata ed il pastone “grasso” che il
Sig. Trincheri ci ha indicato consente ai nostri amici volatili di garantirsi nutrimento e protezione dal gelo. Se vorrai mettere la ricetta sul blog forse altre famiglie, come la nostra, adotteranno con gioia, cince, capinere e pettirossi (i merli nel mio giardino preferiscono le bacche dell’edera).”

eat for bird

dagli appunti di Valeria…ricetta pasto uccellini
per acquistare il libro… mirtoeolivo@alice.it

in vivaio a dicembre

L’autunno è stagione propizia per pensare al nostro giardino, senza fretta;
desideri di nuove piante o differenti soluzioni di progettazione si affacciano ai nostri pensieri.

A dicembre regaliamoci una gita in vivaio, apprezzeremo ancor più le piante che si offrono alla vista con i caldi colori del loro fogliame e delle cortecce.

Vicino a Novara l’azienda florovivaistica F.lli Leonelli propone una vasta scelta di piante particolari adatte alle varie esigenze climatiche, per meglio apprezzarne le caratteristiche, i proprietari Paolo e Claudio, hanno dato vita ad grande vivaio-giardino.

Il prossimo fine settimana nel vivaio si respirerà una magica atmosfera natalizia. La decoratrice floreale Betti Calani ci attende per insegnare come realizzare ghirlande e decorazioni per i giorni di festa con ciò che il giardino e la natura ci offrono.

composizione Betti Calani

quale occasione migliore per una visita al vivaio?

Potete ammirare la particolare selezione di piante del Vivaio F.lli Leonelli, anche alla mostra di giardinaggio di Celle Ligure Fiori Frutta Qualità.

info:

vivaio F.lli Leonelli 0331973421/ info@fratellileonelli.it
Betti Calani 3382144970 betticalani@teletu.it

corsi agricoltura


L’ufficio Agricoltura del Comune di Celle Ligure si occupa ormai da alcuni anni di organizzare corsi inerenti l’agricoltura con particolare interesse al recupero delle tradizioni contadine. Nel tempo siamo andati alla scoperta delle piante ad uso alimentare con passeggiate botaniche nei nostri territori, abbiamo ricostruito muretti a secco, abbiamo imparato ad innestare gli alberi da frutto, visitato aziende agricole che applicano metodi naturali di coltivazione, imparato a dipingere con l’antico metodo dell’acquerello botanico e organizzato tanti altri corsi che hanno visto una notevole affluenza di pubblico proveniente anche da paesi limitrofi ed extraregionali. Di seguito leggerete l’elenco dei corsi previsti per l’anno 2011.

Comune di Celle Ligure

 CORSI UFFICIO AGRICOLTURA 2011

Corsi inseriti nell’ambito del progetto PYRGI per la strategia d’impresa in settori di nicchia per l’economia agroindustriale del Mediterraneo.


16 APRILE

Impariamo a potare Olivi e agrumi

 Un corso gratuito sulla tecnica di potatura .

 Potatura degli Olivi

Un esperto del C.e.R.S.A.A. (Centro di Sperimentazione Agricola di Albenga) ci svelerà i segreti di una perfetta potatura degli Olivi siti nell’area comunale .

Potatura degli Agrumi

Nella stessa mattinata ci sposteremo presso le scuole medie di Celle Ligure dove gli Agrumi attendono l’annuale potatura di rinnovo e aiuto nella fruttificazione e l’esperto del C.e.R.S.A.A. ne illustrerà la tecnica.

(ai presenti saranno consegnati opuscoli tecnici del corso e informativi del progetto PYRGI)).

30 APRILE

Impianto di irrigazione a goccia

Un corso gratuito guida all’impianto di irrigazione a goccia.

 PROGRAMMA

Un esperto installatore di impianti di irrigazione ci aiuta nella scelta dell’attrezzatura adatta alle nostre esigenze con uso di impianto a risparmio idrico goccia a goccia ed esempio di posa in opera dimostrativa.

20 GIUGNO

Trattamenti antiparassitari

Un corso gratuito sull’uso dei parassitari chimici e naturali a confronto, in orto giardino e frutteto.

PROGRAMMA

 Un esperto del C.e.R.S.A.A.(Centro Di Sperimentazione Agricola di Albenga) ci guida all’uso intelligente dei più comuni antiparassitari chimici e ci suggerisce metodi alternativi di interventi al naturale.

27 – 28 AGOSTO

Aromatiche ad acquarello

Un corso teorico pratico gratuito rivolto a tutti gli amanti della natura che si vogliano cimentare nella più antica tecnica di rappresentazione.

PROGRAMMA

Due giorni consecutivi con orario : 9,00/12,30 – 14,00/16,30.

Disegno botanico dal vero di varie tipologie di foglie..
Studio di luci e ombra impaginazione.
Uso e conoscenza del colore e dell’acquarello.

17 OTTOBRE

Manutenzione macchinari agricoli

Un corso gratuito sulla manutenzione dei più ordinari macchinari agricoli

PROGRAMMA

ore 20,00 serale infrasettimanale

Prima della stagione di riposo vegetativo, un esperto ci insegnerà la manutenzione necessaria per meglio utilizzare i nostri aiuti meccanici e a come pulirli prima di riporli in cantina.

Il dettaglio dei corsi sarà reso pubblico con locandine affisse nelle bacheche comunali.
Per maggiori informazioni e prenotazioni rivolgersi presso Ufficio Agricoltura del Comune di Celle Ligure – 019 9980241

oppure Simonetta Chiarugi 339 1925652

vivaisti nella neve

A.Di.P.A. (Associazione per la Diffusione di Piante fra Amatori) Emilia Romagna ha organizzato un ritiro verde invernale.
Qualche vivaista, giardinieri, uno scrittore, associati di Garden Club, del Mignolo Verde alcuni membri della compagnia del giardinaggio ed organizzatori di mostre mercato vivaistiche, si sono riuniti in questo primo fine settimana di febbraio per “Vivaisti nella neve”.

“Il giardino di Darwin”, tema di partenza, ha permesso di spaziare nell’intricato ed affascinante universo vegetale.

Quanto poco conosciamo dei processi evolutivi, simbiotici, di adattamento ambientale e climatico delle piante che ci circondano?
Quante ancora sono le piante da scoprire? E quanto è importante il ruolo del vivaista, la richiesta di un mercato globale sempre più improntato al consumismo e la risposta del cliente finale appassionato estimatore, collezionista o semplice curioso?

Certo è che una maggiore coscienza e conoscenza delle piante potrebbe aiutare l’uomo a porsi ad un livello meno egocentrico della sua esistenza terrena e a trovare forse nel regno vegetale tante risposte d’aiuto nell’affrontare un futuro che al momento appare molto incerto. Dietro al lavoro di tanti vivaisti, c’è una continua ricerca, non solo sulle nuove specie da proporre ma anche di studio comportamentale di quelle già presenti in vivaio.

Si parte dai muschi, dai licheni e dalle felci, primordiali colonizzatori della flora, un viaggio nel tempo raccontato con competenza da Mario Mariani di “Central Park“.

Strane piante, scalano alberi, si aggrappano a muri e tralicci con peduncoli, viticci e radici. Fabio Giani di “VivaiGiani” racconta della sua esperienza ed i movimenti delle rampicanti.

Viaggi alla ricerca di rarità botaniche adatte al clima mediterraneo, l’ultimo in  Messico alla scoperta di infinite varietà di querce dai molteplici foliage sono la passione di  Mirco Bagaloni di “Tropico del Conero”.

Valerio Gallerati di “Vita verde” tutela la biodiversità anche con l’avvio di un progetto di conservazione, in un orto botanico a S. Giovanni Persiceto, di alcune varietà facenti parte della lista rossa (piante a rischio di estinzione) della flora legnosa d’Italia.

L’acqua come elemento vitale, le piante acquatiche, grande amore di Cristina Grandi di “Piante acquatiche ninfea”.

Le piante ed il giardino del medioevo raccontati da Edoardo Santoro curatore del giardino del Borgo Medioevale del Parco del Valentino a Torino.

Parole in libertà con un filo verde conduttore, l’esperienza di un giardiniere come Paolo Tasini, e quella di un attento scrittore di giardini, Daniele Mongera hanno contribuito alla riuscita dell’incontro.
In rappresentanza delle mostre mercato vivaistiche, presenti Silvia Montanari e Riccardo Roberti per Giardini d’Autore, Giovanna Caldani per Frutti Antichi di Paderna, Simonetta Chiarugi per Fiori Frutta Qualità ed Aregai in Fiore.