andar per erbette da prebuggiun

le piogge abbondanti di questi ultimi giorni… mesi
hanno creato le condizioni ottimali anche per la crescita delle buone e sane erbe di campo.
E’ questo il momento giusto per andare a raccoglierle

Questo è il gruppo del recente corso di riconoscimento di erbe di campo curato dall’Assessorato all’agricoltura del Comune di Celle Ligure.

554937_509514069113259_1525262635_n

malgrado il cattivo tempo circa 60 persone hanno aderito con successo e grande curiosità!

mazzolino prebuggiun

“Le buone erbette nascono in primavera, dopo le abbondanti piogge, quando i caldi raggi solari fanno germinare le semenze rimaste tutto l’inverno sul terreno e le specie perenni ricacciano i nuovi germogli. Si sviluppano le prime rosette fogliari ricche di proprietà nutritive e terapeutiche e dalla consistenza più tenera. Si cercano anche all’inizio dell’autunno, dopo la pausa estiva, quando le temperature si abbassano e ancora una volta si offrono le condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo delle piantine…”4 erbefrittata prebuggiun

“…Crescono negli incolti, nei terreni ricchi di sostanze nutritive, nei prati concimati, ai margini delle strade o dei sentieri, e sfruttano ogni più piccola fessura tra le rocce,negli orti o nei campi. Il luogo idoneo dove coglierle dovrà essere il più lontano possibile da zone con inquinamento industriale, da strade di grande traffico o da campi irrorati con pesticidi ed erbicidi. Più facile forse trovare le erbette da prebuggiun nella cosiddetta riva, la scarpata erbosa tra due piani agricoli, mantenuta pulita attraverso frequenti sfalci eseguiti normalmente a mano. La raccolta delle erbe va fatta preferibilmente di mattina, quando la rugiada se n’è andata e il sole ancora non brucia. Essa inoltre deve garantire il rispetto e la salvaguardia della specie, evitando di estirpare la radice e cercando invece di prendere, torcendo con le mani, le foglie da più piantine della stessa varietà per non affaticare il vegetale nella produzione di nuovi germogli. Lo stadio vegetativo iniziale è spesso più difficile da individuare ma è quello utilizzato nelle preparazioni culinarie. Utilizzare dunque solo quelle che si conoscono molto bene: si comincia magari con due o tre varietà, tenendone in osservazione qualche altra. Con il tempo e la costanza si potrà poi comporre l’intero prebuggiun.”

da Sette Buone Erbe Cellasche, il Prebuggiun della Tradizione – testo di Simonetta Chiarugi, disegni Libereso Guglielmi – ed. Comune di Celle Ligure

andiamo assieme a raccoglierle per fare anche una semplice e gustosissima frittata?
vi regaliamo il libretto sul nostro prebuggiun per imparare a riconoscerle, potete scaricarlo in versione completa, lo trovate qui.

copertina_libro_prebuggiun_def

innesto a corona su albero da frutta

Appunti ed osservazioni
dal corso appena concluso organizzato dell’ufficio agricoltura del Comune di Celle Ligure

corso agricoltura 2013 innesto a corona

perchè innestare

una pianta nata da seme impiega in genere diversi anni prima di arrivare a fiorire e fruttificare (es. il ciliegio almeno 10 anni), mentre se viene innestato, già dopo 2-3 anni farà frutti identici a quelli del ramo innestato.
L’innesto permette di adattare piante più fragili a tipi di terreni particolari (per esempio i peri in terreni calcarei). La scelta adeguata del porta innesto aumenterà o diminuirà il vigore della pianta facilitando la sua coltivazione.

L’innesto rimane l’unica tecnica possibile per propagare le vecchie varietà oggi scomparse. Tutte le piante innestate presentano anche il vantaggio di un migliore vigore. Su una stessa pianta inoltre si possono innestare più varietà che daranno frutti a scalare.

attrezzatura e materiali necessari

Cesoia, roncola da giardiniere, sega da giardiniere, rafia o legacci di salice o nastro da innesti, mastice per innesti.

Il nome di questa tecnica deriva dalla posizione delle marze disposte intorno al ramo da innestare e viene usata per il ringiovanimento  di vecchi alberi. Fine inverno è generalmente il periodo migliore per l’innesto a corona  sugli alberi da frutto.

Collage Innesto a corona 1

Tagliare orizzontalmente il portainnesto per portarlo in piano quindi si prepara una fenditura verticale sulla corteccia e se ne distaccano leggermente i due lembi laterali. La pianta deve essere in” succo” con la corteccia ricca di linfa e quindi facilmente staccabile.

Collage innesto 2

La marza deve avere un diametro di 5-10 mm e lunga fino a 15 cm, fornita di almeno 3 gemme, si prepara una punta nella parte che andrà a contatto con il portainnesto, tagliandola solo da un lato. Possiamo innestare varietà differenti ma appartenenti alla stessa qualità di pianta. Es: ciliegio su ciliegio , pero su pero  e melo su melo. Altre varietà di frutta sono intercambiabili e si innestano solitamente su franco (innesto selvatico nato da seme) o su altre varietà a seconda del terreno e del clima. (leggere qui)

Inserire la marza tra il legno e la corteccia, il taglio deve essere a contatto con il legno non con la corteccia e non deve spuntare dall’innesto.

Collage innesto ciliegio 3
Fissare la marza al portainnesto con un giro di nastro adesivo specifico per innesti avendo cura di tagliarlo dopo un paio di mesi, quando cioè, ad avvenuta riuscita dell’operazione, l’innesto comincerà ad ingrossarsi. Infine tagliare la punta della marza per impedire che la linfa lavori solo sulle nuove gemme. Per il primo anno eliminare tutte le infiorescenze per risparmiare energia all’innesto ed evitare che vada a frutto indebolendosi.

innesto a corona su ciliegioarticolo di S. Chiarugi

nuovi corsi agricoltura 2012

CORSI SETTORE AGRICOLTURA 2012

 

6 maggio

MAZZOLINO DI BUONE ERBE CELLASCHE

Corso teorico/pratico gratuito sul riconoscimento

Iniziativa inserita nell’ambito del progetto PYRGI per la valorizzazione dei settori agroalimentari delle regioni mediterranee.

Gita nei campi in località Costa dove saranno riconosciute ed illustrate, tramite supporti di testi botanici, le particolari specie erbacee da sempre utilizzate nella cucina locale per la preparazione del tipico e particolare prebuggion che si distingue per la presenza di piante endemiche tipiche del territorio cellese.

Corso propedeutico alla valorizzazione e riconoscimento di un prodotto locale che sarà proposto ufficialmente all’attenzione del pubblico nella prossima edizione di Fiori Frutta Qualità.

ORE 9,30 ritrovo piazzetta chiesa località Costa.
I
l corso si terrà anche in caso di pioggia (no diluvio!!!) munirsi di scarpe adatte

19 – 20 maggio

ERBE SPONTANEE DEL TERRITORIO AD ACQUARELLO BOTANICO

Un corso teorico pratico gratuito rivolto a tutti gli amanti della natura che si vogliano cimentare nella più antica tecnica di rappresentazione.

PROGRAMMA

Due giorni consecutivi con orario : 10,00/12,30 – 14,00/16,30.

Disegno botanico dal vero di fiori primaverili.
Studio di luci e ombra impaginazione.
Uso e conoscenza del colore e dell’acquarello.

16 GIUGNO

AUTOproduzione del miele

Un corso gratuito sull’introduzione per la produzione del miele.

Visita ad un apicoltore locale che ci illustra il ciclo di produzione e le tecniche di allevamento e di mantenimento di un apiario domestico.

ore 10,00 ritrovo presso piazzale chiesa di Sanda

AGOSTO

FIORI AD ACQUARELLO

Un corso teorico pratico gratuito rivolto a tutti gli amanti della natura che si vogliano cimentare nella rappresentazione vegetale ad acquarello a gouache.

PROGRAMMA

un giorno con orario : 9,00/12,30 – 14,00/16,30.


Disegno dal vero di fiori del giardino Mezzalunga dedicato al maestro giardiniere Libereso Guglielmi. 

Studio di luci e ombra impaginazione. 

Uso e conoscenza del colore e dell’acquarello a gouache.

 

29 OTTOBRE ore 21,00

manutenzione macchinari agricoli

Un corso gratuito sulla manutenzione della motozappa

PROGRAMMA

ORE 21,00 Prima della stagione di riposo vegetativo, un esperto ci insegnerà la manutenzione necessaria per meglio utilizzare la motozappa e a come pulirli prima di riporli in cantina.

18 NOVEMBRE ore 15,30

AUTOproduzione del sapone

Un corso gratuito .

PROGRAMMA

Con semplici materiali facilmente recuperabili, passo dopo passo apprenderemo la tecnica per preparare artigianalmente il sapone naturale.

15 Dicembre ore 15,30

decorazione Floreale

Un corso teorico/pratico gratuito.

Con i fiori di stagione prepariamo centrotavola e bouquet per Natale.

Tutti i corsi si svolgeranno con un numero minimo di 10 partecipanti e dovranno essere prenotati al numero 339 1925652.

festa del verde a Celle Ligure

Bilancio chiuso in positivo per la 4a edizione di Fiori Frutta Qualità, anche il tempo è stato di aiuto regalando due buone giornate di fine estate!

Un’edizione ricca di spunti, suggestioni e proposte culturali. Molto apprezzati e seguiti i tanti laboratori ludico didattici rivolti ai bambini, le lezioni di compostaggio domestico, la visita guidata del FAI e le presentazioni dei libri. Domenica pomeriggio due ospiti di eccezione, Libereso Guglielmi e Mimma Pallavicini, hanno proposto ad un pubblico di appassionati, consigli pratici di giardinaggio tratti dalle pagine dei loro libri, presentati in questa stessa occasione. Daniele Mongera, presente assieme agli autori, ha invitato ad unirsi al gruppo il vivaista Dino Pellizzaro, grande conoscitore di piante e di giardini. Affascinanti dialoghi tra Maestri…un piacere ascoltarli (peccato solo non aver previsto un microfono….mea culpa!!!!)
Hanno suscitato  molto interesse anche le proposte dei giardini tematici.

A corollario ed accompagnamento del Giardino MedievaleMassimo Villa, ha interessato il pubblico con una dimostrazione di intreccio per la creazione di canestri. I suoi lavori oversize, incantano per perfezione e bellezza!

Ho visto prodotti orticoli e da frutta di tradizione locale come il Cavolo navone, la ricercata Albicocca di Valleggia, le Susine dal collo storto ( Susina Basarricata per il Gallesio…) e una ritrovata varietà di mela della nostra zona proposta da Vivai Montina, battezzata per l’appunto Mela Celle.
In generale è miglioarta la qualità degli espositori mantenendo il numero di partecipanti dell’edizione precedente. Registrato un buon successo di vendite, ad esclusione di pochissimi casi nei quali è stata proposta una tipologia di piante più ricercata e particolare! Forse questo deve far riflettere su quanto ancora la nostra cultura verde deve crescere nell’apprezzare piante poco conosciute magari non fiorite, frutto di accurata coltivazione provenienti da studi e ricerche e per questo anche un po’ più costose.

La soddisfazione più grande è assistere al coinvolgimento di tutto un Paese, che nelle due giornate, partecipa attivamente e con gioia all’atteso evento.

Fiori Frutta Qualità è per tutti una gran festa!

PROGRAMMA 2011

PROGRAMMA EVENTI

FIORI FRUTTA QUALITA’ 2011

gli incontri con gli esperti si terranno presso lo spazio espositivo di ciascun relatore.

 SABATO 24settembre

ore 10,30

INCONTRO“Serramenti in acciaio bassi emissivi” Arte in Ferro – laboratorio artigiano di arredi in ferro. Soluzioni di avanguardia per il risparmio energetico.

ore 11,30

INCONTRO “Dimostrazione di decorazione floreale moderna” a cura di Milena Alluto e Franca Lavagna e Rosanna Annone- Garden Club di Savona

ore 12,30

ASSAGGI E DEGUSTAZIONI – Pesto al mortaio. Gruppo Folkloristico Varazzese.

ore 15,30

PRESENTAZIONE del libro “Il rissoso pettirosso”. Gli autori, Natalino e Pierangela Trincheri raccontano aneddoti e curiosità dei pennuti studiati e descritti. Con un piccolo laboratorio, ci faranno vedere come preparare del cibo a loro adatto per prendercene cura durante i prossimi mesi invernali.

ore 16,30

INCONTRO “Il Giardino Medievale” Edoardo Santoro curatore del Giardino del Borgo Medievale del Valentino a Torino, ci racconta come riprodurre nel proprio verde domestico un piccolo spazio dedicato alle essenze degli antichi giardini.

ore 17,00

ASSAGGI E DEGUSTAZIONI ABC dell’olio extravergine d’oliva” Aldo Mazzini ONAOO (Associazione Nazionale Assaggiatori di Olio) ci illustra virtù e proprietà dell’olio extra vergine di oliva, avvicinandoci alla sua degustazione Ingrediente principale di antiche salse al mortaio le cui ricetteverranno svelate da Giancarlo Marabotti finalista campionato mondiale di pesto genovese al mortaio 

DOMENICA 25 settembre

ore 10,00

CORSO “Compostaggio domestico” a cura del C.E.A. Riviera del Beigua incontro formativo per un corretto compostaggio domestico.

SPAZIO N° 8

ore 11,00

INCONTRO Recupero delle acque piovane” a cura di Soc.Agr.La Spesa – articoli da giardinaggio, irrigazione, progettazione e realizzazione giardini.

ore 12,00

ASSAGGI E DEGUSTAZIONI – Pesto al mortaio. Gruppo Folkloristico Varazzese

ore 15,30

PRESENTAZIONE dei libri” Le stagioni del maestro giardiniere” di Mimma Pallavicini e Carlo Pagani, e “Mangiare il giardino” di Libereso Guglielmi. Gli autori Mimma e Libereso incontreranno il pubblico degli appassionati del verde. Introduce l’incontro il giornalista scrittore di giardini Daniele Mongera

ore 16,30

INCONTRO “Dimostrazione di decorazione floreale classica”a cura di Milena Alluto e Franca Lavagna e Rosanna Annoni -Garden Club di Savona


ore 17,00

INCONTRO Dimostrazione di costruzione di muretti a secco a cura di UNITRE di Varazze.


corso di acquarello botanico

***

Da diversi anni con grande partecipazione ed interesse di pubblico l’Ufficio Agricoltura del Comune di Celle Ligure, organizza una serie di corsi pratici/gratuiti inerenti il suo settore, in attesa dell’evento vivaistico annuale Fiori Frutta Qualità.

Ad agosto ritorna l’atteso appuntamento con l’acquarello botanico.

Richiesta predisposizione al disegno e due giornate da dedicare allo studio dell’affascinante materia artistica sotto la guida dell’acquerellista botanica Simonetta Chiarugi. Verranno ritratte dal vero le piante aromatiche e le rare fioriture di agosto che il giardino, disegnato da Libereso Guglielmi su richiesta dell’attenta Amministrazione Comunale, regala alla fine di questo mese estivo.

Matita, gomma e temperino sono gli unici oggetti che dovrà portare chi si iscriverà al corso aperto a chi già è esperto o anche a chi è principiante. Si apprezzeranno piante e fiori sotto un’attenta ottica di studio quasi anatomico delle varie parti, nel raggiungere la fedele riproduzione della forma attraverso una delle più antiche ed affascinanti tecniche di rappresentazione.

per info e prenotazioni : cell. 339 1925652

S.C.

impianto di irrigazione a goccia – tutorial

Sabato scorso si è svolto
il corso dimostrativo di installazione di un” Impianto di irrigazione a goccia” organizzato dal Comune di Celle Ligure presso i giardini del centro sociale Mezzalunga.

Partendo dal presupposto che il nostro orto sia di tipo domestico, possiamo provvedere alla sua irrigazione  attraverso un impianto di tipo semiprofessionale installandolo noi stessi con materiale acquistato presso un qualsiasi centro agricolo o garden.

Ci occorrerà:

  • Programmatore
  • riduttore di pressione
  • vari metri di tubo di conduttura di portata (tubo nero)
  • vari metri di tubo gocciolante che entro i 10mt risulta autocompensante (tubo marrone)
  • rubinetti di linea
  • picchetti ed elastici per chiusura tubi
Si procede all’installazione dopo aver preparato il terreno alla messa a dimora delle plantule.

sotto al programmatore si avvita un riduttore di pressione (fig.1) ad esso si collega il tubo di linea di portata (tubo nero) lungo un lato del perimetro esterno dell’orto A questo punto si collega per ogni canaletta di impianto degli ortaggi tranite un rubinetto di linea, il tubo gocciolante (fig. 3 tubo marrone). Ancorare al terreno i tubi tramite i picchetti d’acciaio.

Tagliare il tubo gocciolante nel punto desiderato, piegarlo e chiuderlo bloccandolo con un elastico. Fermare con picchetto (fig. 5)
Procedere allo stesso modo per tutti i solchi di impianto ortivo.


Il nostro Impianto è pronto per aiutarci nella gestione del nostro orto o del giardino.
Apriamo per la prima volta dopo l’installazione il rubinetto all’ora che preferiamo bagnare le nostre piante, in genere alla sera tardi, e programmiamo un’ora di termine (circa 15 minuti possono essere sufficienti).
Il programmatore si avvierà in seguito automaticamente.

Il corso si è svolto nell’ambito del progetto PYRGI, per la startegia d’impresa in settori di nicchia per l’economia agroindustriale del Mediterraneo.


S.C.

corsi agricoltura


L’ufficio Agricoltura del Comune di Celle Ligure si occupa ormai da alcuni anni di organizzare corsi inerenti l’agricoltura con particolare interesse al recupero delle tradizioni contadine. Nel tempo siamo andati alla scoperta delle piante ad uso alimentare con passeggiate botaniche nei nostri territori, abbiamo ricostruito muretti a secco, abbiamo imparato ad innestare gli alberi da frutto, visitato aziende agricole che applicano metodi naturali di coltivazione, imparato a dipingere con l’antico metodo dell’acquerello botanico e organizzato tanti altri corsi che hanno visto una notevole affluenza di pubblico proveniente anche da paesi limitrofi ed extraregionali. Di seguito leggerete l’elenco dei corsi previsti per l’anno 2011.

Comune di Celle Ligure

 CORSI UFFICIO AGRICOLTURA 2011

Corsi inseriti nell’ambito del progetto PYRGI per la strategia d’impresa in settori di nicchia per l’economia agroindustriale del Mediterraneo.


16 APRILE

Impariamo a potare Olivi e agrumi

 Un corso gratuito sulla tecnica di potatura .

 Potatura degli Olivi

Un esperto del C.e.R.S.A.A. (Centro di Sperimentazione Agricola di Albenga) ci svelerà i segreti di una perfetta potatura degli Olivi siti nell’area comunale .

Potatura degli Agrumi

Nella stessa mattinata ci sposteremo presso le scuole medie di Celle Ligure dove gli Agrumi attendono l’annuale potatura di rinnovo e aiuto nella fruttificazione e l’esperto del C.e.R.S.A.A. ne illustrerà la tecnica.

(ai presenti saranno consegnati opuscoli tecnici del corso e informativi del progetto PYRGI)).

30 APRILE

Impianto di irrigazione a goccia

Un corso gratuito guida all’impianto di irrigazione a goccia.

 PROGRAMMA

Un esperto installatore di impianti di irrigazione ci aiuta nella scelta dell’attrezzatura adatta alle nostre esigenze con uso di impianto a risparmio idrico goccia a goccia ed esempio di posa in opera dimostrativa.

20 GIUGNO

Trattamenti antiparassitari

Un corso gratuito sull’uso dei parassitari chimici e naturali a confronto, in orto giardino e frutteto.

PROGRAMMA

 Un esperto del C.e.R.S.A.A.(Centro Di Sperimentazione Agricola di Albenga) ci guida all’uso intelligente dei più comuni antiparassitari chimici e ci suggerisce metodi alternativi di interventi al naturale.

27 – 28 AGOSTO

Aromatiche ad acquarello

Un corso teorico pratico gratuito rivolto a tutti gli amanti della natura che si vogliano cimentare nella più antica tecnica di rappresentazione.

PROGRAMMA

Due giorni consecutivi con orario : 9,00/12,30 – 14,00/16,30.

Disegno botanico dal vero di varie tipologie di foglie..
Studio di luci e ombra impaginazione.
Uso e conoscenza del colore e dell’acquarello.

17 OTTOBRE

Manutenzione macchinari agricoli

Un corso gratuito sulla manutenzione dei più ordinari macchinari agricoli

PROGRAMMA

ore 20,00 serale infrasettimanale

Prima della stagione di riposo vegetativo, un esperto ci insegnerà la manutenzione necessaria per meglio utilizzare i nostri aiuti meccanici e a come pulirli prima di riporli in cantina.

Il dettaglio dei corsi sarà reso pubblico con locandine affisse nelle bacheche comunali.
Per maggiori informazioni e prenotazioni rivolgersi presso Ufficio Agricoltura del Comune di Celle Ligure – 019 9980241

oppure Simonetta Chiarugi 339 1925652